Maestro D’Arte – Carmelo Fabio D’Antoni

Carmelo Fabio D’Antoni – Il pittore del Dolce Stil Novo

Il Maestro d’Arte Carmelo Fabio D’Antoni, Fondatore della corrente pittorica “Stilnovista” nasce a Catania il 20/11/1980.

Fin dalla più tenera età il suo talento naturale, e la sua passione per l’arte, lo hanno portato nelle botteghe dei più affermati maestri catanesi , ad imparare i segreti della nobile arte della scultura in marmo.

Il maestro, malgrado la sua giovane età, ha sviluppato da subito spiccate doti creative , scolpendo opere di notevole qualità ed estro artistico, molto apprezzate dai committenti .
Crescendo, il suo naturale talento artistico si è evoluto anche nella pittura, dipingendo opere di notevole effetto e di grande sensibilità artistica, in forma e spirito, della figura umana; rivelandosi un ritrattista sensibile ,ma dai tratti forti e con l’espressività di sguardi lunghi e penetranti.
Comincia così la carriera artistica del maestro, che negli anni si è evoluta in una costante e continua crescita nel mondo artistico internazionale esponendo in vari Musei, Fondazioni e Gallerie a Roma, Firenze,Torino Messina ,Bonn, Baden Baden, Colonia, Berlino, Chicago, Miami, Vienna ,Praga, Sofia ecc.

Movimento Artistico Stilnovista

Il movimento nasce riprendendo, in chiave pittorica , la filosofia dei poeti del Dolce Stil Novo . Diventa una vera e propria filosofia di pensiero volta a ridare dignità e valore alla figura femminile che è ispirazione di forza ,coraggio e onore nell’affrontare le difficoltà della vita .

Quello del D’Antoni vuole essere un mero omaggio alle donne della sua vita che lo hanno sempre sostenuto.

In una società ,in cui la donna viene vista come oggetto , si vuole riportare alla luce gli aspetti più intrinsechi .Il D’Antoni ,nelle sue opere, trova profonda inspirazione nell’anima forte, angelica , e a volte nuda ma mai volgare, sempre eterea della Donna Attraverso i tempi oltre la visione più antica, la donna fulcro della famiglia , nonostante la sua immensa forza e volontà d’animo è stata più volte vittima di strumentalizzazioni e ingiustizie ; questo HA FATTO SÌ CHE la sensibilità dell’artista lo portasse a diventare paladino e promotore di un movimento pittorico “stilnovista” fatto di opere degne di essere viste non come strumento, ma come creature vive e forti che pretendono l’amor cortese attraverso i loro occhi, che pur sembrando severe , seguono lo spettatore trasmettendo il vivo animo umano pulito e rispettoso.

“LA DONNA È MAMMA , AMICA , COMPLICE GUERRIERA , CREATURA DEGNA DI ESSERE RISPETTATA.

ESSA MUOVE LE NOSTRE AZIONI , EDIFICANDOCI CON MILLE PAROLE, O SMONTANDO LE NOSTRE CONVINZIONI CON UN SEMPLICE SGUARDO SE QUESTO CONCETTO NON È CHIARO IN NOI , ALLORA NON SI È DEGNI NEMMENO DI GUARDARLA”

L’Artista si definisce quindi Pittore del Dolce Stil Novo, descrivendo con le sue pennellate sulla tela le sue muse ispiratrici.