“Non solo muse. Arte al femminile” In mostra le opere di Anna Cabras Brundo ex I.S.O.L.A. via Santa Croce 39, Cagliari 12 ottobre – 30 novembre 2019

COMUNICATO STAMPA

“Non solo muse. Arte al femminile”

In mostra le opere di Anna Cabras Brundo

ex I.S.O.L.A. via Santa Croce 39, Cagliari

12 ottobre – 30 novembre 2019

Lontani dalla figura della donna intesa come musa ispiratrice e puro oggetto di rappresentazione del corpo nudo, esempio di bellezza e erotismo, sono i corpi plasmati da Anna Cabras Brundo, chiusi e sofferenti, in atto di riflessione e preghiera, ma anche nudi e forti; veri e propri ritratti dell’anima, liberi, intimi e forse proprio per questo da preservare pudicamente: la mostra Non solo muse. Arte al femminile, curata da Marta Cincotti e Simone Mereu, - nei locali ex I.S.O.L.A. di via Santa Croce a Cagliari dal 12 ottobre al 30 novembre 2019 - è una riflessione sulla figura femminile attraverso le opere della serie degli “stati d’animo”, sculture di piccolo formato, frutto di un’intima riflessione sulla donna e sul suo mondo, realizzate dalla scultrice Anna Cabras Brundo(Cagliari 1919 - 2008) tra gli anni ‘70 e gli anni ‘90. 

Realizzata grazie al contributo della Fondazione di Sardegna, con il Patrocinio del Comune di Cagliari e la collaborazione di ANISA e Terra de Mesania, la mostra, organizzata dall’associazione Auravisiva, presenta circa 50 opere, tra sculture, dipinti e disegni, di cui la maggior parte mai esposte prima, provenienti da collezioni private, in una sorta di racconto sulla donna del Novecento, riflessione che da personale diviene universale. L’ingresso alla mostra è gratuito.

La Sardegna è terra in cui le donne hanno sempre avuto un ruolo più che rilevante e come affermò lo stesso scrittore Giuseppe Dessì «i grandi uomini della Sardegna sono stati donne», eppure il riconoscimento delle donne nelle arti oltre che nella quotidianità è sempre stato difficile. Il controverso ruolo della donna nell’arte, la tendenza all’idealizzazione della figura femminile, all’assegnarle il ruolo di musa ispiratrice immobile e inconsapevole più facilmente di quello di soggetto attivo, creatore e consapevole, attraversa tutte le arti e la vita quotidiana. 

Nel centenario della nascita della scultrice cagliaritana Anna Cabras Brundo (Cagliari 1919 - 2008) si vuole presentare al pubblico una parte inedita della sua produzione artistica, le sculture da lei stessa chiamate gli “stati d’animo”. 

La scultrice è nota in particolare per i ritratti di illustri personaggi e per i busti dei sindaci di Cagliari quali Gavino Dessy Deliperi, Luigi Crespellani e Giuseppe Brotzu, esposti nel Municipio di Cagliari e già oggetto della mostra “Persone e personaggi nella galleria delle opere di Anna Cabras Brundo” realizzata nel 2014 presso l’Exma di Cagliari.

«In questa occasione l’artista viene presentata per la prima volta attraverso il suo percorso artistico più raccolto e privato» spiegano i curatori Marta Cincotti e Simone Mereu «una serie di sculture di piccolo formato modellate in argilla a raffigurare figure femminili, che rappresentano le emozioni e gli stati d’animo dell’artista e di tutte le donne».

Si restituiscono così ad una dimensione pubblica le atmosfere intime e introspettive delle figurine chiuse, in posizione fetale, che quasi cercano pace entro sé, nella speranza di conforto e forza per affrontare un mondo che alle donne nega opportunità di scelta diverse da quelle già tracciate dalla tradizione. Ancora immagini di sopite paure legate ad un composto dolore, alla maternità, fisicamente più aperte ma intrise di melanconia, quasi come se la scultrice fermasse sulla materia il dolore e le amarezze del vivere delle donne. E infine altre esprimono il potenziale, la capacità di reagire al mondo, diventando quasi emblema di una volontà di liberazione.

Gli stati d'animo di Anna Cabras Brundo ci accompagnano dentro il suo mondo di donna, per parlare da donna di donne che non sono più solo muse ispiratrici di un mondo maschile, ma sono individualità complesse e forti pronte per il mondo.

Il percorso espositivo sarà accompagnato dalle voci di personaggi letterari femminili, voci forti e chiare di stati d’animo, situazioni e vite di lotte e emozioni contrastate. Voci che trovano collocazione anche nell’angolo letterario allestito in mostra e che intende proporre uno spazio di riflessione e approfondimento attraverso una selezione di testi scelti, amati dall’artista e legati al tema della mostra, raccolti in una piccola libreria a disposizione dei visitatori realizzata in collaborazione con la libreria Mieleamaro.

Saranno anche organizzate tra ottobre e novembre, con cadenza settimanale, una serie di incontri e conferenze sull’Arte al femminile, in cui si affronteranno in particolare le artiste sarde contemporanee e del Novecento. Gli incontri, gratuiti e aperti al pubblico in collaborazione con ANISA, saranno tenuti da Alessandra Menesini, Pamela Ladogana, Simona Campus, Concettina Ghisu, Giulia Boscolo, Daniela Orrù, Cristina Pittau, Efisio Carbone e si terranno nei locali ex I.S.O.L.A. di via Santa Croce a Cagliari.

Ufficio Stampa Associazione Auravisiva 

+39 3292022525; auravisiva.associazione@gmail.com 

INFO

Mostra

Non solo muse. Arte al femminile

Dove

Ex I.S.O.L.A., via Santa Croce 39, Cagliari

Quando

Apertura al pubblico: 12 ottobre - 30 novembre 2019

Inaugurazione: 11 ottobre ore 18.00 

Orari

Da lunedì a sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00 

Giorni di chiusura: domenica

Biglietto

Gratuito

Info

auravisiva.associazione@gmail.com

www.auravisiva.it

Con il contributo di

Fondazione di Sardegna

Con il patrocinio del

Comune di Cagliari

Organizzazione

Auravisiva

In collaborazione con

  ANISA; Terra de Mesania

Sponsor tecnici

Standup; Mielemaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *